The Walking Dead Season 2 – Ep2: A house divided – Recensione

Nonostante l’ottimo esordio della game series The Wolf Among Us, il primo episodio della seconda stagione di The Walking Dead ha lasciato l’amaro in bocca a più di un fan di TellTale e della serie TV americana. Si è parlato di episodio troppo breve e con poco mordente, un concentrato di eventi troppo denso per due ore scarse di gioco. Dopo due mesi ecco arrivare il secondo episodio, “A house divided”, che promette di rilanciare la serie e di approfondire le sfumature caratteriali dei tanti personaggi secondari presentati nella puntata pilota.

Con un piede in due scarpe

Viste le premesse con cui partiva con questa nuova release, il rischio di inciampare ancora era molto alto, così TellTale ha optato per una buona dose di adrenalina iniziale. A house divided comincia esattamente dove è terminato il primo episodio, ovvero nei boschi, in preda agli Erranti, dopo la prima vera scelta difficile di questa seconda stagione. Per Clementine è giunta l’ora di affrontare le prime conseguenze delle proprie decisioni, ed il giocatore è chiamato fin da subito a gestire una situazione pesante e complicata, in cui la tensione si taglia a fettine. Anche stavolta non abbiamo intenzione di rivelare alcun dettaglio della storia, pertanto resteremo a debita distanza dagli eventi a rischio spoiler. Le situazioni di pericolo raccontate in questo episodio sono all’incirca gli stessi della pilota, con Clementine al centro dell’attenzione tanto per l’età quanto per la diffidenza generale rappresentata dai nuovi arrivati di turno. Stavolta gli sviluppatori hanno bilanciato meglio gli eventi e l’esplorazione, dando all’utente la possibilità di conoscere meglio i personaggi nelle classiche situazioni di calma che si frappongono tra i vari avvenimenti. Tuttavia, appare evidente l’intenzione di TellTale di limitare il fattore esplorativo ad appena due aree molto ristrette, con relativa diminuzione delle interazioni con l’ambiente. Nonostante le critiche, la durata dell’episodio è ancora ferma a due ore, inevitabilmente ricche di quick-time event e scelte di dialogo critiche per le sorti del gruppo.

Nella recensione del primo episodio vi avevamo promesso di lasciarvi a qualche considerazione sulla trama. Senza andare troppo nello specifico, A house divided ci permette di approfondire il legame con Luke e Sarah, due figure piuttosto importanti nella sfera sociale di Clementine. Ovviamente, il come vengano approfondite queste relazioni sta al giocatore e alle scelte intraprese durante i dialoghi. La scelta difficile degli ultimi minuti del primo episodio ci ha messi di fronte ad un prevedibile bivio che influenza tutta la seconda puntata, ma non finisce certo qui. Anche in questo episodio vengono presentati nuovi personaggi e location, ma non desideriamo spingerci oltre con i dettagli, perché siamo sicuri che vi divertirete, apprezzando le nuove sfumature della trama. L’impressione di fondo è che TellTale non abbia voluto risparmiare nulla a Clementine – e il primo episodio della stagione offre più di un esempio a supporto della nostra tesi – scongiurando il rischio di ammorbidire la serie a causa del classico cliché della ragazzina che non è in grado di difendersi e prendere decisioni difficili. Anzi, la piccola ci viene mostrata sempre sicura di sé e con lo sguardo diffidente, sensazione avvertita anche scegliendo risposte più accomodanti e leggere.

A house divided è un titolo dal significato letterale, in quanto Clementine incontrerà una vecchia conoscenza che finirà inevitabilmente per rimettere in discussione tutte le nuove simpatie della piccola. Si verranno a creare due mezze famiglie, se così si vogliono definire gruppi di persone che si proteggono a vicenda conoscendosi a malapena, e scegliere chi favorire nella quotidianità non sarà affatto semplice. È probabile che TellTale proporrà questo gioco fino alla fine della stagione – proprio come in quella precedente – ma non è l’unico scherzetto previsto dagli sviluppatori. A house divided segna anche l’esordio del primo vero cattivo affrontato a viso aperto, ben lontano dallo Sconosciuto della passata stagione emerso solo verso le battute finali. Questa pericolosa new entry sposta ancora gli equilibri, segna una minaccia tangibile per tutti e gioca su più fronti, spinto da obiettivi personali che difficilmente non finiscono col causare danni irreparabili.

Ovviamente non c’è nulla da segnalare sul piano grafico e audio, se non il bellissimo e verde bosco che fa da sfondo alle vicende mentre l’inverno è alle porte. I cambi di location ci sono, seppur minimi rispetto alla prima stagione, ma è la diretta conseguenza di una longevità che evidentemente a TellTale non interessa aumentare; in ogni caso, anche se l’ambiente è davvero ideale per il contesto e suggerisce una certa solitudine, ci piacerebbe vedere qualche cambio di rotta in più, proprio come avvenuto nel copione.

Commento finale

“A house divided” risolleva The Walking Dead Season 2 grazie alla piega che prende la storia, emozionante dal primo all’ultimo minuto. Dopo il caos del pilot, probabilmente dovuto alla necessità di presentare la nuova Clementine e il nuovo gruppo di sopravvissuti, TellTale torna finalmente a trasmettere emozioni, nei tempi e nei modi giusti. Tuttavia, se la sceneggiatura ha risposto “presente” alle critiche degli utenti, non si può certo dire la stessa cosa per la longevità dell’episodio, ancora ferma a due ore scarse. E dopo questa triste conferma, il nostro consiglio è di aspettare ancora un po’ prima di procedere con l’acquisto.

In breve

  • Genere:
  • Sito web: Vai al sito
  • Data di rilascio: ND
  • Sviluppatore: Telltale Games
  • Distributore: Telltale Games
  • Publisher: Telltale Games
  • Pegi:

Condividi
Articolo precedenteWeapon Shop de Omasse – Recensione
Prossimo articoloAssassin’s Creed IV: Black Flag Freedom Cry – Recensione
CyberLudus è un'Associazione Culturale che opera nel settore videoludico dal lontano 2007, a stretto contatto con produttori e distributori di tutto il panorama internazionale. La nostra redazione segue con passione ed entusiasmo l'evolversi di questo mondo, organizzando tornei e contest, partecipando a manifestazioni ed eventi e, attraverso il nostro portale, fornendo all'utenza un piano editoriale che prevede recensioni, anteprime, guide strategiche, soluzioni, rubriche ed approfondimenti.