I 50 giochi dimenticati della scorsa generazione

Vi è mai capitato di essere al Gamestop e di trovare, tra i titoli usati, la scatola di un gioco di cui non avevate mai sentito parlare? Ecco, tra queste confezioni spesso e volentieri si trovano delle vere e proprie gemme che, per un motivo o per un altro, sono finite nel dimenticatoio. Una delle ragioni principali è, solitamente, la debolezza della campagna pubblicitaria dietro a questi prodotti, realizzati con un budget minore rispetto ai blockbuster del panorama tripla A.

Ora che siamo nel pieno dello splendore dell’ottava generazione, abbiamo spremuto al massimo le nostre meningi e siamo riusciti a tirare fuori la bellezza di 50 giochi, sicuramente non perfetti, ma che forse potevano essere trattati meglio. Per ogni titolo che vi suonerà familiare, probabilmente ne avrete altri cinque di cui non avrete mai sentito parlare. Per quanto riguarda titoli inizialmente sconosciuti e poi diventati veri e propri oggetti di culto – come ad esempio Deadly Premonition – abbiamo deciso di escluderli dalla lista in quanto ormai abbastanza famosi.

Ma bando alle ciance e cominciamo!


50. Clive Barker’s Jericho

Il genio dell’horror Clive Barker non è nuovo nel mondo dei videogiochi. Jericho è un fps molto intrigante, ricco di atmosfera ed elementi horror, uniti a un gameplay vario (ognuno dei diversi membri del team è dotato di un potere unico e un design spesso pazzesco). Il titolo non ha purtroppo convinto appieno pubblico e critica, per via di un gameplay a volte carente. Nonostante tutto il concept rimane interessantissimo.


49. Prey

Avrete sicuramente sentito parlare del reboot in corso, ma il vero Prey, uscito anni or sono, era un titolo di tutt’altra fattura. Nei panni di un nativo americano, veniamo catapultati in una cruentissima lotta per la sopravvivenza a bordo di una nave aliena. Il gameplay ricco di spunti e la storia accattivante non hanno comunque saputo lasciare un segno indelebile nel pubblico, forse anche per colpa della poca pubblicità ad anticipare l’uscita del titolo.


48. The Darkness

Tratto dall’omonimo fumetto, The Darkness è un bellissimo e atmosferico fps che ci catapulta in scenari urbani bui e gotici. La lotta del protagonista contro lo zio mafioso viene arricchita dai poteri tenebrosi che valorizzano un gioco caratterizzato da una notevole realizzazione artistica e da un’ottima sceneggiatura. Peccato per qualche difettuccio sparso qua e là e per qualche scelta di design poco azzeccata.


47. Singularity

Un altro fps passato in sordina, nonostante l’idea ricca di spunti e citazioni fantascientifiche. Singularity ci fa affrontare una bellissima e purtroppo breve avventura all’interno di un loop temporale nel quale possiamo alterare la realtà. La buonissima realizzazione generale, e il gameplay funzionale e divertente, non hanno saputo fare breccia in un mercato ai tempi fin troppo saturo di sparatutto.


46. Eternal Sonata

https://www.youtube.com/watch?v=4GfJaVIBkR4

Quando la passione per la musica incontra la fantasia dei jrpg. Eternal Sonata è una bellissima avventura onirica in cui vestiremo i panni di nientemeno che il celebre musicista Chopin. Malgrado un comparto tecnico eccezionale, il titolo non è riuscito a impressionare per colpa di un gameplay lineare, seppur intrigante, e di una storia intricata e forse fin troppo difficile da interpretare.


45. Folklore

Forse il titolo più ingiustamente dimenticato degli ultimi anni. Nei panni dei due protagonisti del gioco, viviamo una storia piena di misteri, avvalorata da un gameplay originale e intrigante. Recuperatelo assolutamente perché si tratta di uno dei titoli più meritevoli di questa lista.


44. Lost Odyssey

Il Final Fantasy della settima generazione. Lost Odyssey racconta l’avventura dell’immortale Kaim Argonar alla ricerca del suo passato perduto. Una storia d’impatto, ricca di profondità e filosofia che purtroppo non ha avuto il successo che meritava, in parte per un gameplay forse troppo classico, ma anche per una campagna marketing abbastanza disastrosa.


43. Condemned 1 & 2

https://www.youtube.com/watch?v=0GEKywQIm9g&t=6s

Un’altra saga passata fin troppo in sordina, i giochi della serie Condemned sono degli ottimi horror in prima persona con elementi investigativi e action. La trama è ricca di misteri e violenza, forte di una delle storie più inquietanti nel panorama di genere. Il secondo capitolo, forse anche per alcune sue scelte, non ha colpito quanto il primo, ma la trama ricca di suspense e il gameplay coinvolgente rendono questi due giochi dei must buy assoluti.


42. Stranglehold

https://www.youtube.com/watch?v=fKDayRrQ0Gs&t=3s

Questa spettacolare unione tra Max Payne e i film d’azione cinesi degli anni ’90 è rimasta nei cuori di quei pochi che hanno avuto il piacere di giocarci. Stranglehold è un tps mozzafiato ricco di azione e tanta, tanta distruzione. Un crime drama colmo di sparatorie realizzate in pieno stile John Woo, dirette magistralmente e incredibilmente accattivanti.


41. Binary Domain

https://www.youtube.com/watch?v=DRI0p2at6NM&t=23s

Dai creatori di Yakuza, Binary Domain rappresenta uno dei migliori tps del mercato giapponese. Forte di una storia trascinante e di un set di personaggi incredibilmente “umani”, Binary Domain non è riuscito – purtroppo – a far breccia nel pubblico, complice anche un intrigante, ma mal implementato, sistema di comandi vocali.


40. Mad World

https://www.youtube.com/watch?v=NWAW9kaqa5Y

Un clamoroso e divertentissimo inno alla violenza, Mad World è un gioco d’azione ricco di stile. Nei panni del nerboruto protagonista, faremo a pezzi nemici su nemici, sfruttando lo scenario in maniera spesso esilarante. Lo strabiliante aspetto tecnico e la cura generale non hanno però saputo convincere i giocatori di una piattaforma, la Wii, fin troppo “family friendly”.


39. Silent Hill: Shattered Memories

https://www.youtube.com/watch?v=1_EBTZt2lus

Questa meravigliosa reinterpretazione del primo Silent Hill è sfuggita al radar di molti. Silent Hill: Shattered Memories è un bellissimo horror psicologico che “gioca” letteralmente con le paure dell’utente. Il gameplay è più lineare rispetto all’originale, ma la nuova direzione artistica e la trama dotata di uno dei migliori plot twist videoludici di sempre meritano a mani basse la vostra attenzione.


38. Lollipop Chainsaw

https://www.youtube.com/watch?v=dmtGC-LRJ6o

La vena trash e il gameplay fuori di testa si amalgamano alla perfezione in una valanga di citazioni e prese in giro alla cultura pop. In Lollipop Chainsaw vestirete i panni di una cheerleader chiamata a fare a pezzi centinaia di zombie con la sua motosega da battaglia, il tutto sulle note di una colonna sonora semplicemente spettacolare. L’ironia la fa da padrona dall’inizio alla fine, così come anche le pose sexy della protagonista.


37. Wet

https://www.youtube.com/watch?v=zQT9wgD5yzQ

Se Tarantino avesse fatto un videogioco, quel gioco sarebbe stato sicuramente Wet. Sporco, violento e cattivo, Wet è un tps frenetico e violento, ricco di stile e rimandi alla cultura pulp. La legnosità e la carenza sul lato tecnico hanno causato un’accoglienza tiepida da parte della critica, ma se lo trovate a basso prezzo e avete voglia di un’avventura piena di stile e violenza, vi consigliamo di dare a Wet un’opportunità.


36. The Saboteur

Spesso alcuni giochi nascono da idee interessanti che purtroppo non vengono sviluppate appieno, e The Saboteur è uno degli esempi più lampanti. Il gioco è un free roaming ambientato in una Parigi sconvolta dalla seconda guerra mondiale. Nella nostra lotta al nazismo riporteremo la libertà, e i colori, nella capitale farancese, splendidamente riprodotta in bianco e nero. Purtroppo il gioco venne completato in fretta e furia a causa della chiusura del team di sviluppo, e risulta ahimè incompleto.


35. Nier

Nato come spin-off di Drakengard, Nier è un action rpg che ci mette nei panni di un protagonista prossimo alla mezza età, una svolta decisamente originale nel panorama di genere. Il gameplay è interessante e la trama intrigante, così come il design del mondo di gioco. La parte ruolistica non ha purtroppo la stessa cura del resto del gioco, e non convinse appieno i critici. Speriamo che il sequel\reboot riesca a riportare in auge il “buon nome” della serie.


34. Vanquish

https://www.youtube.com/watch?v=U5qHL3yVCGY

Forse la punta più alta raggiunta nel campo dei tps, Vanquish è un capolavoro tristemente dimenticato. Vanquish chiama il giocatore ad affrontare, in un contesto futuristico, una guerra su scala globale, nei panni di un protagonista dotato di un esoscheletro tecnologicamente all’avanguardia. Tante sparatorie, tanta frenesia e tantissimo stile per un titolo che purtroppo non brilla per quanto riguarda realizzazione tecnica e longevità, ma che comunque possiede uno dei gameplay più fenomenali degli ultimi anni.


33. Valkyria Chronicles

Altra perla del panorama jrpg, Valkyria Chronicles è una bellissima avventura militare in pieno stile anime, con una regia e uno stile cartonesco eccellenti e un gameplay strategico davvero eccezionale. Qualitativamente siamo su altissimi livelli, ma purtroppo il pubblico non ha premiato il gioco, complice anche la scarsa fruibilità della formula al di fuori del mercato giapponese.


32. Spec Ops: The Line

Se Cuore di Tenebra fosse stato un videogioco, sarebbe stato Spec Ops: The Line. Il titolo è un tps controverso e dotato di una delle migliori trame del panorama di genere. Tre soldati si avventurano in una Dubai sepolta dalla sabbia come risposta a una misteriosa richiesta d’aiuto. Al gameplay piuttosto basilare si contrappone una sceneggiatura davvero cruda e d’impatto, che fa riflettere.


31. Child of Eden

https://www.youtube.com/watch?v=6gNb1wXPTiM

Child of Eden è uno strabiliante gioco musicale. Quest’esperienza psichedelica è stata prodotta dagli stessi creatori del celeberrimo REZ, con cui condivide le meccaniche di gioco e soprattutto una direzione sonora e artistica leggendarie. Nonostante sia stato pubblicizzato con i sensori di movimento, il gioco sa essere godibilissimo anche con un pad normale.


30. No More Heroes

https://www.youtube.com/watch?v=_B1rVaQB16Q

I titoli più famosi e iconici di Suda51. I No More Heroes sono degli action con uno stile parzialmente da boss rush. Lo stile fuori di testa, le citazioni e gli scontri eccezionali la rendono una delle saghe più originali e intriganti dell’ultimo decennio, oltre che alcuni dei giochi più ironici e politicamente scorretti a cui abbia avuto modo di giocare.


29. Kingdoms of Amalur: Reckoning

https://www.youtube.com/watch?v=9KI9E3T33lM&t=2s

Kingdoms of Amalur: Reckoning è un ottimo gdr d’azione che sa offrire tonnellate di ore di gioco e divertimento. Con dietro designer d’eccellenza, sia per quanto riguarda i videogiochi che i fumetti, quest’odissea si presenta sì come un gdr occidentale ordinario, ma ricco di attività, missioni, personalizzazioni, un gameplay ottimo e una longevità pazzesca.


28. The Club

https://www.youtube.com/watch?v=EHnoLGIU9Q0

Un altro dinosauro della settima generazione. The Club è un tps arcade incredibilmente divertente e frenetico. Una volta scelto uno dei loschi protagonisti, ci avventureremo in livelli lineari pieni di nemici da fare fuori il più in fretta possibile e nel modo più spettacolare immaginabile. La mancanza di una modalità storia effettiva e lo stile esclusivamente arcade hanno ostacolato il titolo sulla strada del successo.


27. Two Worlds II

https://www.youtube.com/watch?v=rnMe5bXb6P4

Nonostante non vada pazzo per il prequel, devo ammettere che Two Worlds 2 è un gdr davvero solido e di qualità. Il gioco ci catapulta in un mondo enorme (veramente) e ricco di opportunità. L’ottima direzione artistica e la storia incredibilmente trascinante chiudono la cornice di un prodotto fantastico e pieno di cose da scoprire.


26. Bulletstorm

https://www.youtube.com/watch?v=CAzdMjP39eg

Una vera bomba carica di adrenalina, Bulletstorm è un eccezionale fps che brilla per divertimento e ironia. Nei panni di alcuni pirati spaziali, finiremo intrappolati in un pianeta pieno di pericoli e tanti, tanti nemici da eliminare nei modi più assurdi, grazie a un gameplay frenetico ed eccezionalmente ricco di possibilità. L’ottima realizzazione generale è un valore aggiunto per un gioco che meritava molta più attenzione da parte del pubblico.


Continua…