Disastri à gogo

Cities: Skylines è arrivato al suo terzo “mega” DLC a pagamento che – finalmente – introduce i disastri naturali all’interno dell’ormai noto city builder. Colossal Order ha dichiarato di puntare molto su questa espansione, sperando di coinvolgere maggiormente una delle community più grandi nello Steam Workshop.
Siete pronti a scoprire le novità introdotte da Cities: Skylines – Natural Disasters?

Cities: Skylines? Cosa sarebbe?

Se siete stati ibernati fino a oggi o non vi siete mai interessati a un city builder, Cities: Skylines è diventato dal 10 marzo 2015 uno dei maggiori esponenti di questo genere simulativo.
Il nostro ruolo sarà quello di gestire e costruire intere città, decidendo se farle diventare mete di lusso per milioni di turisti o immense “mucche” urbanistiche da spremere a suon di tasse.

La rigiocabilità di Cities: Skylines è da sempre uno dei punti di forza di questo titolo, partendo dal pieno supporto dello Steam Workshop e passando dai vari DLC usciti fino a oggi.
After Dark e Snowfall hanno fatto proprio questo in passato, il primo introducendo il ciclo giorno-notte e il secondo i cambiamenti climatici… ma cosa manca ancora?

Ovvio, i disastri naturali!

Natural Disasters

Le novità di Natural Disasters

Natural Disasters introduce, in poche parole, tanti disastri naturali che si potranno abbattere sulle città create dagli aspiranti sindaci di tutto il mondo. Dagli uragani ai terremoti, passando per tsunami e tempeste improvvise, la vostra cittadina dovrà rialzarsi velocemente in piedi da queste disgrazie, per tornare al più presto florida e ricca. Sarà disponibile anche un nuovo editor di mappe che darà la possibilità di generare scenari unici, all’interno dei quali i giocatori saranno chiamati a soddisfare determinate condizioni per raggiungere la vittoria.

Ora la domanda da un milione di dollari: come faremo a salvare i nostri concittadini da queste tremende sciagure?

Per raggiungere tale – nobile – scopo, avremo a disposizione grandi edifici adibiti a rifugi che, in caso di catastrofi, ci permetteranno di salvare gran parte della nostra popolazione, e tante altre strutture che permetteranno di prevenire i disastri tramite un comodo pannello nella parte superiore dello schermo.

Natural Disasters

Nello specifico…

Gli eventi catastrofici che si potranno abbattere sono i seguenti:

  • Tsunami
  • Crolli strutturali
  • Terremoti
  • Tempeste
  • Meteoriti
  • Uragani
  • Incendi
  • Voraggini

Gli edifici per la prevenzione invece saranno:

  • Torre forestale di prevenzione
  • Deposito per elicotteri sia medici che per gli incendi
  • Radio segnalatore
  • Antenna anti-meteoriti
  • Rifugi atomici piccoli e grandi
  • Sonde anti-terremoto
  • Sonde anti-tsunami
  • Depositi per le acque

Natural Disasters

Concludendo…

Comprarlo o non comprarlo? Considerando il prezzo, 14.99€ e quello che offre, Parodox e Colossal Order sembrano chiedere un po’ troppo alle tasche dei videogiocatori, non tanto per la qualità dei nuovi contenuti, ma per la quantità, davvero minima e ridotta all’osso. Ovviamente il DLC ci hanno divertito e ha arricchito ancora di più un titolo già solido, ma non quanto ci saremmo aspettati.

In breve
Condividi
Articolo precedenteThe Dwarves – Recensione
Prossimo articoloIl CEO di Take-Two critica Assassin’s Creed e Call of Duty: il bue che dice cornuto all’asino – Speciale
Appassionato di strategici e gestionali da ancora prima fosse scoperto il fuoco, nella vita lavoro nel vastissimo mondo dell'elettronica, leggermente più piccolo dell'universo di No Man's Sky. La mia droga? Oltre ovviamente ad ogni contenuto videoludico, qualsiasi tipo di sport. Il mio sogno? Trovare IL videogioco più brutto del mondo.