I 50 giochi dimenticati della scorsa generazione

Vi è mai capitato di essere al Gamestop e di trovare, tra i titoli usati, la scatola di un gioco di cui non avevate mai sentito parlare? Ecco, tra queste confezioni spesso e volentieri si trovano delle vere e proprie gemme che, per un motivo o per un altro, sono finite nel dimenticatoio. Una delle ragioni principali è, solitamente, la debolezza della campagna pubblicitaria dietro a questi prodotti, realizzati con un budget minore rispetto ai blockbuster del panorama tripla A.

Ora che siamo nel pieno dello splendore dell’ottava generazione, abbiamo spremuto al massimo le nostre meningi e siamo riusciti a tirare fuori la bellezza di 50 giochi, sicuramente non perfetti, ma che forse potevano essere trattati meglio. Per ogni titolo che vi suonerà familiare, probabilmente ne avrete altri cinque di cui non avrete mai sentito parlare. Per quanto riguarda titoli inizialmente sconosciuti e poi diventati veri e propri oggetti di culto – come ad esempio Mirror’s Edge – abbiamo deciso di escluderli dalla lista in quanto ormai abbastanza famosi.

Se non avete già letto la prima parte, affrettatevi a farlo.

Ma bando alle ciance e cominciamo!


 

25. Divinity II

Prima che il marchio tornasse alle origini isometriche, l’ultima incarnazione action 3D della saga aveva più qualità di quante ne dava a vedere. Divinity II è un gdr solido e ricco di contenuti, con un gameplay discretamente profondo (potrete diventare anche un drago!) e una difficoltà sopra gli standard. La storia tutto sommato godibile e il design storico chiudono le qualità di un prodotto complessivamente ottimo.


 

24. Syndicate

La moderna e odiata reincarnazione di uno dei classici degli rts del passato è, incredibilmente, un prodotto solidissimo. Syndicate è un fps cinico e fantascientifico, dotato di uno stile sci fi davvero eccezionale che si rivede sia nell’estetica che nel raffinato profondo gameplay. Qualitativamente ottimo, la sua campagna in single player rimane una delle più riuscite e particolari degli ultimi anni.


 

23. White Knight Chronicles 2

White Knight Chronicles 2 è un jrpg fatto dai creatori di Dragon Quest VIII e Ni No Kuni, e non brilla particolarmente per originalità, vista la grossa quantità di cliché nipponici, ma sa sicuramente intrattenere. Conviene anche per l’inclusione del primo capitolo, visto che oltretutto le storie dei giochi sono legate sia narrativamente che per quanto riguarda il vostro personaggio e i suoi livelli. Un mondo enorme, tantissime ore di gioco e un gameplay interessante grazie anche alle trasformazioni speciali lo rendono un buon titolo per gli amanti e un’ottima partenza per i novizi.


 

22. Chronicles of Riddick: Assault on Dark Athena

La cosa più eccezionale del sapere che il noto protagonista cinematografico Riddick abbia un gioco a lui dedicato, be’, è scoprire che ne ha due! Chronicles of Riddick: Assault on Dark Athena comprende il remake di Escape from Butcher Bay, un vero e proprio fps stealth di culto, e il suo seguito che dà il titolo alla collezione. Queste due avventure racchiudono tutto ciò di buono che hanno saputo offrire i film, ovvero stealth, azione e tanto, tanto buio. Il design e la varietà del gameplay sapranno stupirvi, garantito.


 

21. Alpha Protocol

Alpha Protocol è gdr stealth a dir poco eccezionale che purtroppo è stato minato da innumerevoli bug. La storia è fantastica e si rifà a un sacco di spy movies d’eccellenza, ma soprattutto quando si parla di scelte in mano al giocatore, il gioco brilla più che mai. Che riguardi l’approccio alle missioni o le opzioni riguardanti la trama, la libertà e le conseguenze ci saranno in modo concreto ed effettivo. Ormai non costa più nulla, recuperatevelo e non ve ne pentirete.


 

20. El Shaddai: Ashension of the Metatron

El Shaddai: Ashension of the Metatron è una bizzarra e celestiale avventura action. Il design brilla grazie a idee eccezionali e psichedeliche, avvalorate da un comparto tecnico particolarissimo e ricco di spunti. Il gameplay non stupisce più di tanto, anche se attua un particolare sistema legato alla corruzione delle armi che stravolge i combattimenti. La storia è forse il punto debole del gioco, risultando spesso strana e confusionaria.


 

19. Red Faction: Guerrilla

Red Faction: Guerrilla è uno spettacolare free roaming ambientato niente che meno su Marte. Non aspettatevi nulla di particolare dalla storia, perché la forza del gioco sta nel divertimento distruttivo che vi mette a disposizione. Potrete infatti distruggere particolarmente tutto ciò che non sia il pianeta stesso, in una sequela di esplosioni e varietà di gioco che fanno impallidire il sequel tutt’altro che perfetto uscito anni dopo, completamente sprovvisto della libertà e della distruzione presenti questo fantastico gioco.


 

18. Dark Sector

Altro dinosauro della settima generazione, Dark Sector è un tps ricco di idee minato purtroppo da una produzione travagliata. Lo stile quasi noir rende l’estetica davvero particolare, che viene contrapposta a un set di mostruosità che tenteranno di ucciderci nel corso dell’intricata trama. I poteri a disposizione del protagonista sono notevoli e spingono alla tattica e all’inventiva. La fase shooter a volte è legnosa, e qua e là sono sparse alcune scelte di level design criticabili, ma se saprete andare oltre a ciò avrete tra le mani quello che è tutto sommato un buonissimo gioco.


 

17. Timeshift

Un altro fps che avrebbe meritato di più. Timeshift è una bellissima avventura fantascientifica in cui avremo il controllo assoluto del tempo, che giocherà un ruolo chiave durante il gameplay. In generale, tutte le buone idee del gioco vengono in parte scalfite da una certa mancanza di originalità, ma si tratta tutt’oggi di un titolo che merita una giocata.


 

16. Resonance of Fate

Resonance of Fate è uno spettacolare jrpg passato fin troppo in sordina. In un contesto meravigliosamente steampunk, avremo a disposizione tre personaggi da usare nei coreografici e difficilissimi combattimenti di gioco. L’ambientazione è ricreata magistralmente, e il gameplay particolare spinge il giocatore a impegnarsi durante l’incredibile durata di almeno 50 ore della storia. Se vi sentite hardcore questo gioco vi farà ricredere.


 

15. Shadow of the Damned

Questo spettacolare gioco è frutto di menti eccezionali come Suda51. Shadow of the Damned è un tps ricco di humor nero e volgarità sessuali, che ci butta in un viaggio nei meandri dell’inferno per liberare la nostra fidanzata. Il design è ottimo, il sonoro spettacolare, e il gameplay tutto sommato divertente. Il titolo non è comunque perfetto a livello tecnico, e visti i nomi in ballo molte persone sono rimaste deluse dalla realizzazione definitiva.


 

14. Prince of Persia

La bellissima storia del principe subì un reboot nel 2008. Prince of Persia è un titolo magico e fiabesco, con un cel shading meraviglioso e un platform efficace. Il carisma della triologia delle Sabbie del tempo manca ovvio, ma l’impostazione particolare riportava la saga ai suoi primissimi fasti. Peccato per un gameplay ripetitivo nella fase action, che riciclava i boss e negava il game over, ma soprattutto per la mancanza del vero finale venduto a parte via DLC.


 

13. Asura’s Wrath

Non a caso ora tocca ad Asura’s Wrath, altro titolo che si può concludere pienamente solo tramite un DLC. Pessima scelta a parte, questo stilosissimo gioco della Capcom è un action furioso e in pieno stile anime. L’estetica spettacolare e la regia fuori di testa ben si accompagnano a un uso eccessivo dei quick time events, che possa piacere o meno sono un elemento fondamentale del gioco.


 

12. Deadpool

Questo gioco di Deadpool è stato incredibilmente ignorato prima di venire ricordato dopo l’uscita dello spettacolare film l’anno scorso. Si tratta di un action passabile, migliore di molti altri titoli del genere, ma soprattutto dotato di una vena umoristica bellissima e completamente in linea col personaggio, perfettamente catturato su schermo. Ottimi video e storia divertentissima per un titolo che verrà adorato anche da chi non è fan del personaggio.


 

11. 3D Dot Game Heroes

Questa splendida gemma è stata ignorata da troppi per il suo stile a tratti semplicistico. Si tratta invece di un bellissimo gioco ricco di contenuti, in pieno stile Zelda e con un’estetica semplice eppure curata. 3D Dot Game Heroes vi ruberà tanto tempo e soprattutto vi farà divertire, tra i tanti dungeon che affronterete e l’ottima personalizzazione che viene arricchità dalla crescita costante del vostro personaggio.


 

10. Afro Samurai

Nonostante abbia avuto un recente quanto dimenticabile seguito, Afro Samurai, oltre allo spettacolare anime, ha saputo dire la sua attraverso questo stilosissimo gioco. Si tratta di un violentissimo action ottimamente curato dal punto di vista tecnico, e interessante per quanto riguarda il gameplay, tanto da aver fatto scuola negli anni a seguire. Magari ripetitivo in alcune sessioni, ma assolutamente stiloso e ben diretto.


 

9. Eat Lead: The Return of Matt Hazard

Quando penso al tema dell’articolo, Eat Lead: The Return of Matt Hazard è il primo gioco che mi viene in mente. Questo simpaticissimo tps è un action divertente non tanto per il gameplay scialbo, ma piuttosto per il clima di parodia che si respira giocandolo. La storia fa morire dal ridere, così come il contesto in cui è ambientata, e la varietà del gioco sarà enorme fra tutte le innumerevole parodie che farà del mondo dei videogiochi. Un vero cult dimenticato.


 

8. Anarchy Reings

Anarchy Reigns è un action particolarmente curato dal punto di vista del gameplay, ricco di personaggi unici (alcuni famosi come Bayonetta) e ricchi di abilità. Lo stile fuori di testa e l’enorme quantità di violenza e ironia sono un must per un titolo sicuramente ottimo nel suo genere. La presenza di un multiplayer cooperativo piuttosto particolare e divertente è un piacevolissimo valore aggiunto.


 

7. Disgaea 4: A Promise Unforgotten

Quest’eccentrico jrpg è un cult che continua a essere ignorato. Disgaea 4: A Promise Unforgotten ha uno stile isometrico che propone un gameplay inaspettatamente tattico e profondo. Lo stile, l’ironia spudorata e la longevità pazzesca che vi ruberà almeno 100 ore per la prima giocata, più altre durante i difficilissimi game plus, lo rendono un gioco eccezionale per gli appassionati.


 

6. Time Crisis: Razing Storm

Time Crisis: Razing Storm è un’ottima collezione per gli amanti degli sparatutto su cabinato. Il titolo racchiude soprattutto Time Crisis 4, ma anche un suo spin off e un altro titolo dal contesto piratesco/fantasy, e tutti e tre i giochi sono divertentissimi e spettacolari. Tra centinaia di nemici e boss assurdamente enormi, questa collection permette di giocare su console una saga cult, che rende molto bene anche con un controller normale.


 

5. I Call of Juarez

I Call of Juarez sono dei bellissimi fps ambientati nel west. Escludo The Cartel, un mediocre tentatico di modernizzare il marchio. Per il resto Call of Juarez, e il seguito Bound in Blood sono una bellissima epopea western ricca di trama e personaggi caratterizzati egregiamente. Il recente Gunslinger, invece, è un reboot con uno stile narrativo fantastico e fumettistico, e riesce adampliare il gameplay e il suo bullet time.


 

4. Brutal Legend

Uno stramaledetto cult! L’epopea fantasy/rock di Jack Black è un free roaming che gli amanti non solo del rock, ma di tutta la musica ameranno alla follia. Ricco di citazioni spettacolari, di leggende come Ozzy Osbourne, Brutal Legend offre un’avventura con un ottimo comparto tecnico e una sezione musicale eccezionale. Il gameplay sa essere inaspettatamente vario, pur senza brillare di profondità, ma è un fattore completamente accettabile visto il resto.


 

3. Remember Me

Remember Me fece parlare abbastanza alla notizia secondo cui la Sony avesse rifiutato di svilupparlo come esclusiva. Un peccato perché il gioco merita ed è realizzato egregiamente, con una storia fantascientifica legata ai ricordi molto intrigante, soprattutto esteticamente. Il gameplay è tendente all’azione, con la maggior parte degli scontri affidati a un gameplay corpo a corpo ben congeniato.


 

2. Catherine

Quando dal nulla una bellissima ragazza entra nella sua vita, il protagonista fannullone di Catherine comincia a vivere una storia a metà tra sogno e incubo. Si tratta di un gioco molto particolare, con un comparto narrativo molto forte e intrigante che colpirà specialmente chi ha attraversato relazioni sentimentali nella sua vita. Il gameplay invece è uno strano ed efficace puzzle che vi darà più filo da torcere del dovuto.


 

1. Gli Yakuza

Una saga eccezionale storicamente ignorata. Yakuza è un crime drama ambientato all’interno della mafia giapponese, e presenta un comparto narrativo eccezionale, con protagonisti memorabili e una cura ai dettagli notevole. Sarà GTA in giappone, ma le attività secondarie (centinaia) e la libertà ci sono. Anche il gameplay vi catturerà, facendovi fare alcuni dei combattimenti corpo a corpo più belli di sempre. Must have assoluto.