Volition: maestri del caos

Quando si pensa alle innumerevoli produzioni targati Volition, impossibile non citare le due serie di maggior successo, Red Faction e Saints Row. Prima sotto l’ala protettiva di THQ e in seguito, dopo la bancarotta, con il supporto di Deep Silver, gli americani di Volition sono riusciti a portare avanti i loro successi, riuscendo ogni volta a guadagnarsi buoni consensi di pubblico e critica. In particolare, la serie di Saints Row ha ottenuto un ottimo seguito negli ultimi anni riuscendo, di capitolo in capitolo, a scrollarsi di dosso la nomea di “GTA-clone” ritagliandosi una propria identità all’insegna dell’esagerazione sfrenata e dello humor politicamente scorretto. Dopo gli ultimi due capitoli, Saints Row IV e – l’espansione stand alone – Gat Out from Hell, il team di Volition ha deciso di accantonare momentaneamente la saga dei “santi” vestiti di viola, dedicandosi ad un progetto “top-secret” annunciato con una cinematica nel giugno 2016. Agents of Mayhem, il nuovo titolo dei Volition, si presenta come un vero e proprio spin off di Saints Row, riprendendone in parte l’esagerazione degli ultimi capitoli accompagnandola però con una trama ed ambientazione in puro stile G.I. Joe.

Spinti da una certa curiosità – e da una insaziabile voglia di cazzeggio puro – ci siamo gettati a capofitto nella Seoul futuristica di Agents of Mayhem.

Il nostro responso? Scopriamolo insieme nella recensione…

Super agenti vs Super cattivi – Crackdown 3? No! Agents of Mayhem

Agents of Mayhem, come prima accennato, si presenta come vero e proprio spin off della serie Saints Row riprendendone eventi e – soprattutto – alcuni personaggi.
Gli eventi della nuova fatica targata Volition prendono luogo dopo gli accadimenti di Saints Row IV e, conseguentemente, di Gat out from Hell, l’espansione stand-alone dedicata a Johnny Gat (tra l’altro presente come Agente sbloccabile in Agents of Mayhem come preorder bonus).
La Terra, ricostruita dopo il finale del precedente capitolo, è nuovamente in pericolo. In questo caso non vi saranno alieni o gang di strada a metterci i bastoni tra le ruote ma bensì la LEGION, un conglomerato di “super cattivi” comandati dal Dottor Babylon, alle prese con la costruzione di un dispositivo in grado di soggiogare l’intero pianeta.
A mettergli i bastoni tra le ruote dovremmo pensarci noi: gli Agenti. Sotto il comando di Persephone (personaggio già conosciuto nella saga di Saints Row), il nostro compito sarà quello di guidare i 12 Agenti tra le strade di Seoul, sbaragliando – con l’arroganza tipica delle produzioni Volition – le legioni del Dottor Babylon.

La città di Seoul, completamente esplorabile liberamente, presenta diverse attività secondarie che potranno essere completate senza un preciso ordine, tra cui ostaggi da salvare, roccaforti da conquistare e collezionabili da raccogliere per potenziare gli Agenti. In particolare, abbiamo trovato molto divertenti i contratti singoli per gli Agenti, che oltre a darci modo di sbloccare il personaggio da utilizzare nelle varie missioni, ci presenterà la storia di origine attraverso azzeccatissime sequenze animate. Ed è proprio l’utilizzo delle sequenze animate – in puro stile cartoon – la scelta stilistica che più abbiamo apprezzato di Agents of Mayhem, anche se dal punto di vista di trama e dialoghi abbiamo notato qualche passo indietro rispetto alla saga di Saints Row, con alcune battute infelici di troppo. Il gioco, seppur mantenga la vena “politically-incorrect” della serie principale, può ritenersi decisamente soft, abbandonando le sequenze tipicamente “splatter” con cui i Volition ci avevano abituato negli anni precedenti, virando su un classico buoni vs malvagi dai limitati contenuti volgari.

Sul fronte gameplay, Agents of Mayhem riprende in parte quanto di buono fatto con le due precedenti iterazioni di Saints Row. Il titolo Volition poggia le proprie basi su meccaniche di shooting in terza persona, dandoci inoltre modo di muoverci anche verticalmente sfruttando le potenzialità del salto dei diversi agenti (sarà possibile librarci in aria con tripli salti). Ottima l’implementazione di un sistema di crescita degli agenti, puramente RPG, che ci consentirà di far salire di livello e potenziare ogni singolo Agente sfruttando specifici punti abilità e utilizzando gadget per conferire abilità extra alle armi e agli attacchi speciali. La possibilità di switchare in tempo reale gli agenti (ne potranno essere portati in missione tre alla volta) rende le battaglie maggiormente frenetiche e divertenti, ma è opportuno segnalare una IA dei nemici non particolarmente profonda, anche se in grado di metterci alle strette ai livelli di difficoltà più elevati.

Un tuffo nella nuova generazione

Agents of Mayhem segna il debutto del nuovo engine proprietario di Volition, creato esclusivamente per la nuova generazione. Lo stile volutamente caricaturiale degli Agenti e dei personaggi secondari del titolo rende davvero bene, anche grazie alla presenza di cinematiche decisamente ben curate. Ottimo lavoro anche sul fronte dell’effettistica poligonale che tra esplosioni e raggi laser riescono a garantire un bello spettacolo di luci e colori su schermo.

Sul fronte ottimizzazione, invece, un po’ meno bene per quanto riguarda la versione PC del titolo che, anche su configurazioni di fascia medio-alta, fatica a mantenere una fluidità sopra i 60 frame al secondo. Ci auguriamo, comunque, che il tutto venga sistemato con i prossimi update.

Concludendo…

Agents of Mayhem è un ottimo titolo, divertente e – decisamente – esagerato, così come i capitoli che lo hanno preceduto. La presenza di 12 personaggi giocabili, caratterizzati da un sistema di crescita puramente RPG, danno la possibilità al giocatore di sperimentare approcci diversi alle innumerevoli missioni del gioco, principali e non. La mancanza più grave di questo titolo è riscontrabile sicuramente nella modalità cooperativa, che tanto aveva aiutato nei precedenti Saints Row e che qui avrebbe indubbiamente reso l’avventura maggiormente divertente se giocata in compagnia di amici.

Ci sentiamo, tuttavia, di promuovere l’ultima fatica Volition, consigliandola soprattutto a chi si aspettava un titolo degno dei precedenti, condito dalla solita dose di cafonaggine e arroganza che è lecito aspettarsi.

In breve

  • Genere: Action
  • Sito web: Vai al sito
  • Data di rilascio: 15 agosto 2017
  • Sviluppatore: Deep Silver Volition
  • Distributore: Deep Silver
  • Publisher:
  • Pegi:

Condividi
Articolo precedenteStarcraft: Remastered – Recensione
Prossimo articoloObserver – Recensione
Nerd purosangue classe 1992, si avvicina al mondo dei videogiochi grazie al SEGA Master System di sua madre (si avete letto bene DI SUA MADRE). Destreggiandosi tra Alex Kidd e Sonic the Hedgehog, comincia a farsi una importante cultura videoludica a base di platform e beat ‘em up. Fedele seguace della “master race”, consuma giochi di ruolo dalla mattina alla sera, anche se la sua saga preferita rimane Grand Theft Auto degli inarrivabili Rockstar Games, che fin dal primo capitolo lo ha aiutato a diventare la brutta persona che imparerete a conoscere.